Menu

Roberto Gonzalez Monjas – Spalla dell’Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Come musicista e amante della musica sono sempre stato interessato all’architettura, dal momento che si tratta di una disciplina che, in molti modi, disegna linee parallele alla musica.
Gli architetti creano spazi che ci aiutano a vivere e a goderci la vita; i musicisti creano spazi musicali in cui le emozioni ei sentimenti possono aver luogo.
Inoltre, come qualcuno che suona in molti luoghi diversi durante l’anno, mi sono anche chiesto come musicisti e architetti dovrebbero lavorare insieme per il raggiungimento di grandi spazi da concerto con una splendida acustica.
La forma segue la funzione, o dovrebbe essere il contrario?

Credo di aver trovato la mia risposta  questa estate, a Villa Pennisi in Musica.
Sinceramente non sapevo cosa aspettarmi quando il mio amico David Romano, il cervello straordinario dietro l’idea, mi ha chiesto di unirmi alla ‘famiglia di Villa Pennisi’.
Quasi ogni musicista partecipa a corsi di perfezionamento e festival di musica da camera in estate … ma un seminario congiunto tra musicisti, architetti e designer suonava come sia come un mix geniale che  come la ricetta per il perfetto disastro.
Come potrebbe un gruppo di studenti di costruire una camera acustica per concerti all’aperto, che dovrebbe aumenterebbe il nostro sound e creare l’acustica più vicina ad una sala da concerto?

E ‘difficile per me descrivere, a coloro che non hanno ancora visitato Villa Pennisi, cosa si prova ad entrare nel giardino, dove tutto si svolge, per la prima volta. Gli studenti che si esercitano sotto gli alberi o che si riposano al sole, alcuni architetti e designer occupati al taglio del legno, alla verniciatura e assemblaggio di alcuni elementi della Shell,  altri che parlano dell’acustica perfetta per una costruzione LEGO … il tutto in perfetta armonia.
E questa è la chiave di VPM: il fatto che la musica e l’architettura, suono e sound design, camera acustica e strumento … finiscono per “significare” la stessa cosa.
Significano arte, significano lavoro e significano fare uno sforzo, tutti insieme, per raggiungere la più meravigliosa acustica dove si può fare la musica più bella.

Ho vissuto molti momenti memorabili in VPM: insegnando, suonando con meravigliosi colleghi, ascoltando i nostri studenti in concerto, chiacchierando con gli architetti e designer, imparando dai pensieri penetranti del Maestro Pappano sull’acustica. Tuttavia, c’è  una notte che ha rubato il mio cuore: dopo diversi giorni di duro lavoro, e dopo una incredibile cena, noi quattro musicisti fortunati sono stati invitati provare la nuova camera acustica finita per la prima volta. Le armonie di Quartetto di Mozart per oboe, insieme con l’atmosfera unica di una notte d’estate e l’incredibile risultato sonoro raggiunto portarono lacrime di gioia a molti e ha reso questo un momento davvero magico.

Penso che VPM sia il futuro. Una sana collaborazione, un rapporto aperto e moderno, tra musicisti e architetti, e una centrale di brainstorming in cui ogni idea conta e tutti hanno la possibilità di imparare, lavorare e realizzare i propri sogni. Grazie VPM !!!